martedì 23 maggio 2017

LecceCronaca.it

LecceCronaca.it

I quaderni del Bardo: Libri dell'editore in vendita online

I quaderni del Bardo: Libri dell'editore in vendita online

Sai chi voti? Test sui candidati a Lecce

UN VINO APOLLONIO PER LA CENA TOSCANA DEI CONIUGI OBAMA


Un vino Apollonio alla cena dello chef Massimo Bottura per i coniugi Obama in visita in Italia. Il vino – un Rosé 18 Fanali 2014 – è stato infatti inserito tra le dieci etichette di “The amazing Italian wine journey”, l’aperitivo “interattivo” che Filippo Bartolotta, esperto in organizzazione di viaggi ed esperienze legate al mondo del cibo e del vino, ha ideato per l’ex presidente Usa e la moglie Michelle, ospiti di una cena nella tenuta dell’ambasciatore John Phillips a Borgo Finocchieto, in provincia di Siena.
Partendo dai vigneti del Trento doc fino ad arrivare in Puglia e in Sicilia, i coniugi Obama sono stati introdotti da Bartolotta nello straordinario mondo del vino italiano, che ha emozionato non poco Barack e Michelle Obama, così interessati ad approfondire caratteristiche e differenze tra i vini in degustazione che l’evento è durato trenta minuti più del previsto.
I vini presenti alla degustazione erano Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2005, Apollonio Rosé 18 Fanali 2014, Oddero Barolo 1961, Col d’Orcia Brunello di Montalcino 1964, Caprai Sagrantino di Montefalco 25 anni 2010, Cecchi Coevo 2010: durante la cena firmata da Massimo Bottura, invece, sono stati serviti Gravner Ribolla 2008, Tasca d’Almerita Tascante Buonora 2016, Tenuta San Guido Sassicaia 2009, Castello di Ama Chianti Classico Riserva 2008.
Alcune delle annate in questione erano state scelte perché corrispondenti a date significative della vita dei coniugi Obama (i rispettivi anni di nascita, quello dell’assegnazione all’ex presidente del Premio Nobel per la pace).

domenica 14 maggio 2017

giovedì 4 maggio 2017

LecceCronaca.it

LecceCronaca.it

Livio Romano racconta il Salento e il suo romanzo "Per troppa luce" (Fer...

Intervista Mauro Minelli - Leccenews24

US Lecce | Rizzo: fiducia e serenità in vista dei play off

MARATONA DI LETTURA AL TEATRO PAISIELLO DI LECCE



Ultimo appuntamento delle iniziative volte alla promozione della lettura, organizzate dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Lecce nell’ambito di LecceLegge. La maratona conclude il progetto "Dal libro al teatro", attraverso il quale, per il sesto anno consecutivo, Astràgali Teatro traspone in linguaggio scenico un libro per ragazzi. Lunedì 8 maggio, alle ore 17, il teatro Paisiello di Lecce ospita la Maratona di Lettura, promossa dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Lecce, dedicata  al testo “La famosa invasione degli orsi in Sicilia”.  Il romanzo scritto e illustrato da Dino Buzzati ha ispirato  lo spettacolo teatrale  “La ballata degli orsi”, prodotto e messo in scena da Astràgali Teatro e rivolto ai bambini di otto scuole primarie salentine. L’appuntamento  rientra nel cartellone delle iniziative volte alla promozione della lettura, organizzate dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione nell’ambito di LecceLegge e conclude il progetto Dal libro al teatro, attraverso il quale, per il sesto anno consecutivo, la compagnia Astràgali Teatro traspone in linguaggio scenico un libro per ragazzi. Sul palco si esibiranno alcuni bambini e bambine delle scuole coinvolte (Cantobelli, Cesare Battisti, Marcelline, Stomeo-Zimbalo, Gesù Eucaristico e Oxford di Lecce e Istituti comprensivi di Galatina e Minervino) che leggeranno una selezione di pagine del libro e ancora poesie, storie inventate o reinventate, lettere.  Il  protagonista sarà sempre un orso, una creatura apparentemente feroce con cui è possibile stabilire un dialogo. Infatti, da animale minaccioso, nei racconti si trasforma in ciò che veramente è: un animale che fa parte di una natura, da difendere  e preservare.  Durante la maratona saranno riproposte al pubblico alcune scene dello spettacolo. Con i disegni e altri lavori artistici prodotti dai ragazzi e ispirati allo spettacolo, verrà allestita anche una mostra nel foyer del teatro. L'ingresso è libero.